19 agosto 2000

Canapa ... ora di piantarla(titolo di Sandro Pieroni)

a cura di Umberto Bertolini    (vedi servizio fotografico)

Si svolto presso il centro visitatori dell'Orecchiella una "giornata di informazione" dedicata alla attuale situazione della produzione della canapa sativa in Italia.

E' stata promossa dalle cooperative Garfagnana Vacanze e La Girella con il titolo "La canapa: una risorsa dimenticata ... una tradizione da riscoprire"

Hanno portato il loro contributo Carlo Veronesi, Alfredo Bolognesi e Giorgio Rubin per Assocanapa. Il primo di questi presidente dell'associazione toscana produttori di fibre tessili e sta sperimentando la produzione di canapa in varie zone della Toscana, il secondo assessore al comune di Portomaggiore (Ferrara), fortemente interessato alla ripresa di produzione della canapa, ed ha illustrato i problemi legali e tecnici, l'ultimo, il professore Rubin, ha presentato un filmato sulla lavorazione tradizionale della canapa nel ferrarese. Con loro hanno presentato la tradizione garfagnina l'architetto Piero Biagioni che anni fa si era interessato alla tessitura garfagnina e le signore Marina Donati e Rina Fanani che hanno parlato della tecnica tradizionale garfagnina di lavorazione.

Nella presentazione la presidente di Garfagnana Vacanze Antonella Poli si chiesta se per la canapa ci saranno gli spazi che abbiamo avuto per il farro e che stiamo avendo per la farina di castagne, e si detta interessata soprattutto agli aspetti della lavorazione artigianale pi che a quelli agricoli in senso stretto. Di fatto con la canapa no si potrebbe aprire un nuovo interessante utilizzo di alcuni ettari del nostro terreno, ma anche una riscoperta di tutta la lavorazione che porta a prodotti finiti di pregio nel settore dell'abbigliamento e dell'arredo domestico.

L'incontro, poco frequentato da politici, stato molto interessante; c' da augurarsi  che il tema venga ripreso a breve anche su altri tavoli perch pu rappresentare una piccola ricchezza alla cui riuscita le tradizioni locali possono dare un buon contributo.